Il controtelaio, oggetto dall’aspetto trascurabile?

9 dicembre 2014

Chi ben comincia è a metà dell’opera!

Il controtelaio è uno tra gli aspetti più importanti del nostro involucro serramento e questo viene nella maggior parte dei casi trascurato per esigenze di risparmio.
Purtroppo nel settore tanti sanno vendere bene, tanti sanno produrre bene i propri infissi, ma pochi sanno posare bene gli infissi.
L’installazione di un serramento inizia con la progettazione del controtelaio e la sua relativa posa in opera.

come non dovrebbero essere montati i nostri infissi

come non dovrebbero essere montati i nostri infissi

 

Se girate un po’ per cantieri noterete che nel 99% dei casi il controtelaio è costruito in metallo sia esso alluminio o ferro zincato.
Ci riempiamo tanto la bocca di risparmio energetico, trasmittanza, triplo vetro, e chi più ne ha più ne metta e poi non facciamo minimamente caso ai ponti termici che si creano con l’utilizzo di controtelai metallici.
Purtroppo pochi fanno caso a questo aspetto e tutto ha inizio nella fase di progettazione dell’edificio, dove il progettista non fa caso minimamente a questi aspetti dove il “si è fatto sempre così” prende il sopravvento su quello che è l’importante ruolo dei controtelai.

Che cosa influisce nella scelta dei controtelai?

IL PREZZO!! Siamo disposti a spendere migliaia di euro per i nostri infissi informandoci all’esasperazione sul web, ma non siamo disposti a spendere il necessario per il controtelaio che come qualcuno mi disse “tanto rimane nascosto”.
Nella Sardegna i controtelai usati abitualmente hanno un costo che va dalle 35€ in su (a pezzo) quando invece un controtelaio studiato per eliminare i ponti termici costa da €70 in su, ed ecco che notiamo subito che il secondo costa il doppio del primo, ma in percentuale quale incidenza ha sulla spesa totale dei nostri serramenti?
E poi ci si lamenta se al primo inverno cominciano gli sbuffi di umidità ai lati dell’infisso, con tutti i problemi che poi nasceranno, perchè sappiate bene che inizieranno tutti gli scarica barile del caso tra progettista, muratore e chi vi ha fornito gli infissi.

Come è costruito un buon controtelaio?

Tutto inizia dalla scelta dei materiali utilizzati, sia esso PVC o legno o anche la combinazione di questi 2:

La DeFaveri ad esempio utilizza un profilo in PVC creato per utilizzare un sistema di posa innovativo con l’applicazione di una rete anti-fessurazione, una cava non a vista per la sigillatura, un profilo per l’applicazione della benda da esterni e una superficie in grado di accogliere la guarnizione auto-espandente, offrendo così quell’insieme che dà qualità alla posa.

controcassa a taglio termico DeFaveri

controcassa a taglio termico DeFaveri

 

 

La parte interna del controtelaio realizzata in legno, ha dimensioni basate su quelle dell’infisso con o senza zanzariera ed offre uno spazio utile per l’applicazione della benda da interni barriera vapore.
Il sistema della DeFaveri è stato sottoposto a TEST di tenuta all’acqua secondo norma UNI EN 1027/00 e UNI EN 12208/01 ottenendo risultati che sono grado di soddisfare qualunque richiesta.
Questo è tutto??
NO, assolutamente!!! Tutta la spesa sarà vanificata se non viene effettuato anche il taglio termico della soglia, il cosiddetto quarto lato.
Si infatti, perchè non ci si deve limitare all’utilizzo di una buona controcassa ma questa deve continuare con i suoi benefici anche nella parte inferiore dell’infisso.
Lo schieramento dei “si è fatto sempre così” non fa nessun cenno su l’importanza di quest’altro aspetto.
Infatti provate ad immaginare un cantiere edile dove siamo in procinto al montaggio degli infissi: noterete che le lastre, o anche dette soglie, sono installate in un unica soluzione partendo dalla parte interna dell’edificio sino alla parte esterna.

Insomma un bel lascia passare alla temperatura esterna che, per la conducibilità del materiale che solitamente viene utilizzato per la realizzazione delle lastre, avrà modo di veicolare sino dentro casa.
Ecco allora che sarà buona norma separare la parte interna della lastra dalla parte esterna effettuando una separazione dei 2 elementi proprio sotto la sede dell’infisso che avrà anche il compito di nascondere questo taglio termico.
I materiali utilizzati per il quarto lato sono i più disparati, l’importante è che questo sia un efficiente taglio termico e che sia proporzionalmente dimensionato.

Contattaci per maggiori informazioni in merito e affidati ad un’azienda seria e professionale.

Preventivi

 

Richiedi senza impegno un preventivo personalizzato